Blog

Blog

L’emicrania è una patologia molto frequente, in particolare nelle giovani donne, caratterizzata da attacchi dolorosi ricorrenti e invalidanti. Il trattamento prevede una terapia dell’attacco acuto finalizzata ad alleviare i sintomi al bisogno e una terapia preventiva con l’obiettivo di ridurre la frequenza, la durata e la gravità degli attacchi. Tuttavia, è importante fare una corretta diagnosi delle forme di emicrania in modo da poter gestire il paziente nella maniera più appropriata. 
 Nell’era del consumismo la piaga dell’obesità è sempre più dilagante, causata in primo luogo da stili di vita scorretti, come un’alimentazione ipercalorica e un ridotto dispendio energetico a causa di una costante e prolungata inattività fisica.

L’eccessivo accumulo di grasso corporeo, che caratterizza le condizioni di sovrappeso e obesità, può determinare gravi danni alla salute, tra cui disturbi cardiovascolari e respiratori e diabete. La prevenzione dell’obesità, con stili di vita sani ed una alimentazione corretta, fin dall’età infantile, rappresenterebbe la migliore cura, poiché i trattamenti farmacologici sono molto complessi e i risultati difficili da raggiungere.

Nel settore della salute e della prevenzione il machine learning (in italiano apprendimento automatico) rappresenta una sfida in rapida evoluzione. Attraverso l’approccio di apprendimento automatico, macchine intelligenti, capaci di elaborare dati di elevata qualità, saranno in grado di rivoluzionare il mondo della ricerca e di fronteggiare disparati problemi in materia di salute, per i quali la gestione della malattia, attraverso le attuali pratiche mediche, risulta essere ancora inadeguata.

Uno studio del 2016 pubblicato in una rivista dell'American Society for Microbiology, ha sostenuto una correlazione tra il cibo assunto, l’insorgere di emicrania e la qualità dei batteri presenti all’interno della bocca. In questo caso, oltre il microbioma intestinale, anche il microbioma orale gioca un ruolo molto interessante nella prevenzione di questo disturbo.

Attualmente i principali farmaci per il trattamento dell’insonnia sono le benzodiazepine, che seppur efficaci, danno effetti collaterali che sarebbe meglio evitare soprattutto negli anziani. Recentemente l’agenzia governativa Food and Drug Administration ha approvato per l’insonnia un nuovo farmaco, il daridorexant, in grado di bloccare due recettori per l’orexina.

L'apatia è uno dei sintomi prevalenti nella malattia di Alzheimer, associata a completa inabilità. Ad oggi nessun farmaco disponibile risulta essere efficace. Di recente, lo studio ADMET 2, ha dimostrato l’efficacia e la sicurezza del trattamento con metilfenidato nella riduzione della gravità dell’apatia in soggetti con malattia di Alzheimer.

Il disturbo bipolare è una malattia psichiatrica caratterizzata dalla fluttuante combinazione di fasi maniacali o ipomaniacali e depressive, i cui cicli generalmente hanno durata variabile alternata da periodi di remissione1. Attualmente, rappresenta una delle principali cause di disabilità al mondo. Il disturbo bipolare può colpire allo stesso modo sia gli uomini che le donne.